Maltempo: le piante abbattute si trasformano in alberi di Natale

By in
108
Maltempo: le piante abbattute si trasformano in alberi di Natale

Era il 29 ottobre quando la tempesta “Vaia” colpì le foreste prealpine del Nord Est radendo al suolo migliaia di piante. Un danno enorme ancora da quantificare: si stima che in un solo giorno il maltempo abbia abbattuto la quantità di alberi che normalmente viene tagliata in 5 – 7 anni, con gravissime ripercussioni in tutto il settore. Dai proprietari dei boschi che dovranno affrontare la perdita di valore del legno e smaltire la mole inattesa, alle imprese boschive che hanno perso molti dei loro macchinari e hanno difficoltà nel raggiungere le zone colpite.

Ancora una volta il cuore generoso dell’Italia non si arresta, e trasforma calamità in un grande gesto di solidarietà grazie all’iniziativa promossa da PEFC Italia. L’ente la cui certifica accomunava la maggior parte delle piante abbattute, e che ora mette in moto il meccanismo della Filiera Solidale.

Dalle piante abbattute alla Filiera Solidale

La filiera prevede un logo per il legno certificato raso al suolo, che sarà proposto con contratti di fornitura a prezzi solidali a segherie e aziende che si occupano delle fasi di trasformazione e che vista l’emergenza preferiranno il legno italiano a quello di importazione.

Ma c’è un’altra bella novità: anche molti operatori della GDO hanno deciso di aderire all’iniziativa, acconsentendo a vendere le punte delle piante abbattute per l’occasione riqualificate in bellissimi alberi di Natale. Inoltre devolveranno una parte degli utili per l’acquisto di nuove piantine che verranno utilizzate per rimboschire le aree distrutte.

Leggiamo le parole del PEFC, che spiegano bene la situazione attuale:

In questi momenti di difficoltà è indispensabile agire per valorizzare e vendere il legname proveniente dai boschi danneggiati, anche riprogrammando il mercato del legname italiano nei prossimi anni, considerando che attualmente importiamo l’80% del legno che viene lavorato. Allo stesso tempo, sistemare i boschi permetterà di combattere gli attacchi del bostrico (coleottero che si ciba di legno) che altrimenti dalla primavera attaccherà non solo il legno a terra ma anche le piante danneggiate e quelle indebolite dallo stress climatico.

Sei un operatore del settore e vuoi aderire al progetto? Visita il sito ufficiale di PEFC Italia.

Sei un privato? Fai del tuo Natale un atto di altruismo: rivolgiti al tuo vivaista di fiducia!

54321
(0 votes. Average 0 of 5)